La pittura di Liana Barbato narra un mondo sospeso tra malinconia e gioia, ricerca spirituale e senso panico di adesione alle bellezze della natura. Le sue figurazioni illustrano le emozioni che pervadono ciascuno di noi, i conflitti interiori, le sensazioni di solitudine e, per contrasto, una antura che sembra distante dalle nostre inquietudini, e si mette in mostra nella sua florida solidarietà. (…) Occorre che l’artista sappia consegnarci un’emozione, una sensazione, perché è quella che rimane in chi guarda un dipinto dopo che ha lasciato il luogo dell’esposizione. I particolari in breve saranno dimenticati (…). Liana Barbato cerca di esprumere soprattutto sentimenti, tensioni emotive, che a volte travalicano addirittura la dimensione intimistica per farsi enunciato sociale. (…)

Gaetano Cristino,                    Foggia, aprile 2006